giovedì, Luglio 18, 2024
spot_imgspot_img
HomeItalpress Top NewsConte “Il mio Napoli arrabbiato, poche chiacchiere e tanto lavoro”

Conte “Il mio Napoli arrabbiato, poche chiacchiere e tanto lavoro”

NAPOLI (ITALPRESS) – “E’ la prima volta che ricevo una presentazione così, nonostante io sia nel calcio da molti anni.
Sicuramente c’è emozione. Vi ringrazio, ringrazio Napoli. Adesso non mi resta che dare, restituire”. Queste le prime parole di Antonio Conte, nel corso della conferenza stampa di presentazione, al Teatro di Corte di Palazzo Reale a Napoli.
“Il progetto è quello di cercare nel più breve tempo possibile di far diventare Napoli di nuovo un’alternativa credibile alle solite note. Il presidente questo lo sa bene. Lo scorso anno non è stato positivo e oggi c’è da ricominciare, ricostruire, ci vorrà un pò di tempo e di pazienza. Cercheremo in tutti i modi di prenderci questa responsabilità. Siamo qui e non vediamo l’ora di ricominciare”, ha chiarito Conte. Il suo sarà un Napoli con “una faccia arrabbiata perchè veniamo da un’annata in cui tante cose non sono andate per il verso giusto. Dovremo trasferire questa voglia di rivalsa in campo, sotto tutti i punti di vista, calcistico, comportamentale”. Sul mercato, poi, Conte ha detto: “Io sono stato molto chiaro con il presidente, prima di parlare di contratti e aspetti economici ho voluto una sola rassicurazione: che avrei deciso io chi sarebbe rimasto e chi magari poteva anche prendere altre strade fuori da Napoli. Sono stato categorico. Se pensiamo al riscatto e poi diamo via i giocatori migliori, è un controsenso”. Accanto a lui Aurelio De Laurentiis ha rassicurato tutti i presenti: “Di Lorenzo è un giocatore straordinario e un uomo straordinario, di grande livello. Posso capire che si sia infastidito nelle ultime partite e si sia sentito abbandonato ma gli ho spiegato che non era possibile abbandonare una persona come lui”. Anche per Kvaratskhelia, “non ci sono problemi, abbiamo un contratto ma mi siederò con Manna, Chiavelli, il ragazzo e il suo agente e gli faremo una proposta di cambiamento contrattuale”, ha aggiunto il presidente. Un Napoli che lavorerà sodo, quello di Conte. “Non posso promettere la vittoria perchè ne vince solo una, ma inizieremo un percorso, noi dovremo essere competitivi per la vittoria. Posso solo dire ‘testa bassa e pedalarè, poche chiacchiere ma facciamo i fatti. Io sono una persona molto essenziale e poco paziente. Quest’anno dobbiamo stare zitti, lavorare e recuperare quanto perso lo scorso anno”, ha concluso Conte.
– foto Ipa Agency –
(ITALPRESS).

ARTICOLI CORRELATI
spot_img
× Come Possiamo Aiutarti?