sabato, Aprile 13, 2024
spot_imgspot_img
HomeItalpress Top NewsBarbera “La tutela della Costituzione tessuto che unifica la Repubblica”

Barbera “La tutela della Costituzione tessuto che unifica la Repubblica”

ROMA (ITALPRESS) – Tutela e sviluppo della Costituzione “non come documento brandito per letture divisive, ma come il tessuto che, attraverso la condivisione dei suoi principi, regge e unifica la Repubblica”. Parte da questo principio il ruolo del collegio della Corte Costituzionale, indicato nella relazione del presidente d Augusto Barbera, in occasione della riunione straordinaria della Corte sull’attività del 2023. Barbera ha ricordato che “la Costituzione del ’48 è, nel complesso, per quanto riguarda i principi, tuttora robusta, perchè il suo è un testo che il Costituente ha voluto ‘ecletticò, ‘inclusivò, ‘a virtualità multiplè”. Il presidente della Consulta ha iniziato la sua relazione dall’attualità: “Tra il 2022 e il 2023 dall’angoscia della pandemia si è passati al fragore delle armi, prima ai confini dell’Europa, per effetto dell’aggressione russa al popolo ucraino, e adesso nel Medio Oriente, per l’orrore degli attacchi terroristici e le dure reazioni israeliane. Il 2023 è stato anche l’anno che ha visto in Italia atroci casi di femminicidio, ultimo ieri a Roma, recentissimo”. Un anno che “ha registrato, comunque, numerose e ripugnanti violenze contro le donne. Ed è stato l’anno in cui oltre mille, una media di ben tre al giorno, sono state le agghiaccianti morti sul lavoro”, ha aggiunto. Il presidente ha sottolineato che “tragedie queste ultime che, direttamente o indirettamente, hanno visto e vedranno impegnate la giurisprudenza della Corte Costituzionale, sia per quanto riguarda la condizione femminile, sia per quanto riguarda importanti aspetti dell’organizzazione del lavoro nelle imprese. E’ stato anche l’anno in cui si sono verificate gravi calamità naturali alle quali non è talvolta estraneo il cambiamento climatico e comunque l’incuria di monte amministrazioni”.
Per Barbera “l’approvazione a larghissima maggioranza di una riformulazione degli articoli 9 e 41 della Costituzione, che recepisce indirizzo per la larga parte già seguiti da questa Corte, è quantomeno segno di una maggiore consapevolezza dei temi da affrontare”. Il presidente della Consulta ha fatto poi un appello alle Camere, sulla nomina del giudice mancante per completare il plenum: “Esaurite le prime due votazioni provvedano nel più breve tempo a questo adempimento. A tale proposito, non è superfluo ricordare che l’apporto di ciascun giudice è essenziale per il buon esito del giudizio costituzionale, fondato sulla piena collegialità”. A proposito della separazione dei poteri, ha evidenziato che “in un sistema costituzionale fondato sulla separazione dei poteri, al rigoroso rispetto delle decisioni delle magistrature deve corrispondere l’altrettanto rilevante rispetto delle decisioni delle sedi parlamentari, espressione della sovranità popolare”.
(ITALPRESS).
– Foto xc3/Italpress –

ARTICOLI CORRELATI
spot_img
× Come Possiamo Aiutarti?